Pile al litio bottone: caratteristiche pregi e svantaggi
on 15 Aprile, 2019

Andiamo innanzitutto a definire quali sono le pile a litio bottone:
sono quelle piccole e piatte che generalmente si utilizzano su piccoli apparecchi elettronici (dispositivi medici, dispositivi di sicurezza, ecc), orologi, telecomandi o
giocattoli di piccole dimensioni che hanno bisogno per funzionare di bassa potenza.
Un altro utilizzo molto comune, è la batteria tampone nelle schede madre dei personal Computer che serve per evitare la perdita della data e dell’ ora quando essi sono spenti.

Caratteristiche tecniche

Queste batterie contengono diossido di manganese (LiMn02) e sono composte da un catodo Mn02 e un anodo a litio; il polo negativo è localizzato sulla parte superiore nel
cerchio più scuro, mentre il polo positivo è localizzato sulla superficie inferiore e dalla parete laterale.
Le dimensioni variano a seconda del modello e dell’utilizzo ma al massimo raggiungono i 3 centimetri di diametro e fino ad un centimetro di spessore.

Solitamente erogano una tensione di 3 Volt (il massimo raggiungibile è 3,7 Volt) e una capacità che può variare dai 30 Milliampere per Ora (mAh) ai 500 mAh.
Il case è fatto di acciaio inossidabile (per evitare qualsiasi possibile perdita elettrolita) ed il colore va dal grigio cromato all’ argento.
La nomenclatura deriva dalla Standard battery nomenclature della International Electrotechnical Commission IEC 60086 series
e presenta una sigla che comincia con le lettere CR e poi prosegue con una serie di quattro numeri.

La lettera C sta ad indicare la sostanza ovvero il litio e la lettera R (Round) sta ad indicare la forma, bottone appunto. Anche i numeri indicano una categoria in base alle
dimensioni di diametro e del peso.
Le più comuni sono le CR2032 che presentano 20 millimetri di diametro e 3,2 millimetri di spessore e le CR2025 (20 millimetri × 2,5 millimetri) e CR2016 (20 millimetri × 1,6
millimetri)

Pregi

Questo tipo di batteria è sicuramente affidabile e ha una durata molto lunga nel tempo, inoltre generalmente si contraddistinguono per preservare l’energia fino anche a dieci
anni in fase di stoccaggio, questo grazie alla velocità di autoscarica estremamente bassa.
Resistono molto bene agli sbalzi di temperatura e infatti possono lavorare a temperature comprese tra i –20 e i e +60 Gradi Centigradi.

Svantaggi

Le loro piccole dimensioni fanno si che possano essere facilmente inghiottite, soprattutto dai bambini, con il conseguente rischio di soffocamento o di lesioni all’esofago.
Per questo è presente una normativa (norma CEI EN 62115:2005-04) che impone ai costruttori che per poter aprire il vano contenente le batterie dei giocattoli, sia necessario
un attrezzo specifico (ad esempio un cacciavite a stella).

Principali marche in commercio

Le marche più conosciute ed affidabili che si trovano in commercio e trattano questo tipo di prodotto sono la Duracell, la Energizer, la Panasonic, la Maxell la Varta e la Verbatim.
Generalmente la durata delle batterie Energizer e Duracell è comunque sempre superiore a quelle delle altre case produttrici, anche se il costo è mediamente più elevato.
I prezzi vanno da 1 euro fino ai 10 euro per quelle più potenti, esistono comunque in vendita confezioni multiple che fanno risparmiare anche sulle marche più affidabili.
Si possono trovare nella maggior parte dei negozi e supermercati ma si acquistano comodamente anche in internet con la possibilità in questo caso di trovare molte offerte.